Gli stili e i gusti della moderna società: ecco come la generazione Y ama arredare la propria casa

La società cambia giorno dopo giorno, si evolve, si allontana sempre più da modi di pensare considerati ormai obsoleti e, senza ombra di dubbio, appartenenti ad un’altra generazione. Una vecchia generazione che non riesce più a trasmettere i valori di un’epoca ormai passata, che proprio non riesce, in alcuni casi, a comprendere le tendenze del momento. Anche la casa, quella moderna, quella dei giovani della generazione Y cambia, si veste con nuovi abiti, molto diversi da quelli indossati dalle abitazioni di qualche anno fa.

Il cerchio di apre e si chiude perfettamente: la società cambia, le persone pensano e vivono diversamente, cambiano i gusti e, quindi, anche la casa e il suo arredamento si adattano alle nuove tendenze.

L’innovazione tecnologica è la scintilla che ha accesso il fuoco del cambiamento, anche per quanto riguarda il modo di vivere la propria casa, ma non è l’unico fattore che ha portato al grande cambiamento.

Come è cambiato il mercato del mobile? Quali sono le tendenze in tema di arredamento dettate dai gusti delle nuove generazioni? Forse, più che di cambiamenti, si può tranquillamente parlare di una vera e propria rivoluzione. La casa non è più quella di una volta.

La casa della generazione y: arredamento innovativo “fai da te”

Prima il mobile era paragonato quasi ad un diamante di rara bellezza, da scegliere con attenzione e da custodire, quindi, come un oggetto dal valore inestimabile. Insomma, comprare un mobile significava inserire nel proprio arredamento un elemento che, una volta posizionato secondo i propri gusti, doveva restare a lungo nell’ambiente domestico. Si sceglieva l’arredamento sulla base di un solo principio: scegliere un mobile di qualità per non cambiarlo mai in futuro. Il mobile era considerato come un componente inanimato della famiglia, da coccolare e curare.

E ora? Il principio della durata sembra non esista più, sostituito da un altro modo di pensare: “comprare un qualcosa che vada bene per il momento, magari da cambiare in un futuro più prossimo che mai”.

In pratica, la generazione y ama vivere la casa a seconda del periodo, cambiando in continuazione l’arredamento, cercando sempre nuove soluzioni e nuovi abbinamenti. Una casa che si adatta alle proprie idee, alle proprie voglie, che cambia aspetto continuamente.

Una casa che però vien costruita su due pilastri molto forti: la praticità delle soluzioni hi-tech e l’attenzione per la green economy.

Alla nuova generazione piace il “fai da te”, inteso non nel senso stresso dell’espressione, ma in quello più lato, cioè relativo alla ricerca di nuove soluzioni e idee per arredare la propria casa al meglio. Niente architetti o interior designer, ma è il pc il vero professionista dell’arredamento moderno, il quale avvalendosi dell’aiuto dell’immensa rete internet, regala sempre nuovi spunti per rendere unica la propria abitazione.

Inoltre, cambia anche il modo di acquistare i mobili: è l’e-commerce a vincere su tutte le linee.

Niente più mobili di costosi, ma unici e originali: è così che è cambiata anche la definizione di lusso, non più legata al prezzo del mobile, ma alla sua essenza di pura autenticità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *